Digital Magic


L’ultima trovata per far vedere che si fa qualcosa è la fantomatica Agenda Digitale che dovrebbe far fare al paese un gigantesco balzo in avanti degno di quello cinese imposto a colpi di deportazioni e carestie dal presidente Mao Tse Tung, l’imperatore rosso che viveva nella Città Proibita circondato da lacchè e concubine.

Fra le cose che l’Agenda Digitale Magica dovrebbe risolvere è l’evasione fiscale, cioè circa 140 miliardi di euro che ogni anno il fisco non riesce a beccare nonostante abbia un apparato di controllo gigantesco che si dibatte fra tentativi di accertamento e cause infinite, ultra decennali, rimpallate fra commissioni tributarie provinciali, regionali, cassazione, ricorsi a Bruxelles e pure alla corte Europea di Strasburgo.


Con un po’ di tecnologie – di certo molto costose – i tecnici pensano di aver trovato la bacchetta magica che stanerà l’ evasore dalla tana come una muta di terrier a caccia di tassi nella brughiera inglese.


Ora, se i tecnici si prendessero la briga di studiare un testo di Scienza delle Finanze, eviterebbero di creare l’illusione che le tecnologie digitali possano risolvere il problema dell’evasione e quello parallelo del denaro della criminalità organizzata. 


Infatti, la scienza delle finanze, cioè quella che studia tasse, imposte, accise e modo di riscuoterle, ha spiegato da tempo che ci sono solo due modi per ridurre l’evasione: uno è il metodo terroristico per cui un evasore scoperto si fa 20 anni di carcere con il plauso dei giornali e dei suo concorrenti.


L’altro è quello di mettere in piedi un apparato gigantesco di macchine e di uomini, e in Italia addirittura un Corpo armato, che s’impegna in un processo certosino di accertamento dei redditi che però ha un suo corollario in una serie infinita di regolamenti e interpretazioni per rendere la norma inattaccabile davanti ai giudici. 


Questo è il metodo all’italiana i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti: un apparato elefantiaco, milioni di persone in guerra davanti ai giudici, ogni giorno per cause di tasse, e un’evasione fiscale gigantesca. 


Ma il digitale risolverà! Perché ai tecnici piacciono le favolette della bacchetta magica digitale.