Forma della Crisi

Riprendo dal blog di Paola Bonomo un’immagine tratta da un’indagine GFK/Eurisko sulle previsioni della crisi.

A differenza di quanto dicevano l’anno scorso, la crisi non ha una forma a L, U, W, o a V, ma quella dello swoosh della Nike, cioè una rapida caduta (non ancora terminata!) e una risalita lentissima, cioè recessione, come avevo sempre pensato.

Non c’è una palla di vetro nascosta da qualche parte, ma sono solo considerazioni su serie storiche che dicono che la ripresa dopo una crisi bancaria è veramente molto lenta e ogni crisi ha tempi di recupero sempre più lunghi, a mio giudizio perchè la crisi del momento deve incorporare anche parte degli effetti negativi delle crisi del passato.

Philip Roth ha detto che bastano tre tedeschi a distruggere un mondo, speriamo che quei tre, che tanti danni hanno fatto all’economia, Angela Merkel, Alex Weber e Hans Tietmeyer, leggano questi dati e lascino in pace Trichet per i prossimi sette anni, evitando di consigliargli di giocare con i tassi.